Analisi tattica Match report Nouvelle vague

Team report: Pro Vercelli

Arrivato in Piemonte all’inizio di questa stagione, Francesco Modesto si è subito fatto notare portando la Pro Vercelli fra le prime della classe nel girone A della serie C 2020/21. La vittoria contro la Pistoiese nell’ultimo turno è stata la quinta (su otto partite disputate) per i Leoni e la quarta su quattro conquistata fra le mura amiche del Piola.

La pass map della Pro Vercelli relativa alla partita contro la Pistoiese, fornita da @CalcioDatato.

Dal punto di vista tattico, Modesto è un allievo di Walter Mazzarri e Gian Piero Gasperini, tecnici alle cui dipendenze ha giocato negli anni di Reggio Calabria e Genova. E proprio dall’attuale allenatore dell’Atalanta il 38enne Modesto ha mutuato l’organizzazione di gioco messa in mostra con la Pro. La partita contro gli arancioni di Frustalupi ha confermato le tendenze tattiche della squadra che è stata 7 volte campione d’Italia.

Costruzione

La Pro Vercelli costruisce con i 3 difensori centrali più i 2 mediani. L’idea è quella di veicolare i flussi di gioco esternamente dove operano dei rombi fluidi (sul modello atalantino) che possono avere come vertice basso il braccetto di parte e come vertice alto anche la punta centrale che si allarga. Quando gli ospiti sono riusciti a portare una pressione ultra-offensiva, i bianchi hanno avuto più difficoltà a far uscire palla dal basso. In questo caso si è ricorsi al lancio lungo per andare poi a cercare le seconde palle.

Rotazioni offensive

Come accennato poc’anzi i giocatori che fanno parte di questi rombi, deputati a far risalire il campo alla compagine vercellese, non occupano posizioni fisse ma sono pronti a ruotarle per favorire la progressione della palla in avanti.

Fondamentale risulta lo scaglionamento locale dei tre giocatori senza palla, che devono garantire altrettante linee di passaggio al portatore.

Nel montaggio VideoMatch di Sics osserviamo le costanti della fase di possesso vercellese.

Invasori

L’idea è di invadere la metà campo offensiva con almeno cinque giocatori (i quinti e i tre riferimenti più avanzati. La giocata favorita è quella che fa guadagnare campo in verticale. Quando questa linea è chiusa, la Pro attua un veloce giro palla per andare a cercare di colpire sul lato debole.

Detto questo, si è visto spesso il braccetto sul lato palla (soprattutto De Marino a sinistra) aggiungersi ai giocatori che invadevano la trequarti difensiva pistoiese. Anche questa giocata è mutuata dalla recente tendenza mostrata dall’Atalanta di portare i centrali più esterni in avanzamento profondo in avanti.

Fase difensiva

Il non possesso vercellese è fortemente orientato sull’uomo e la squadra di Modesto è istruita a difendere scalando in avanti. Anche in questo si rimarca la somiglianza col calcio praticato da Gasperini ma anche da Ivan Jurić e Massimiliano Alvini.

Uno screen che evidenzia la contrapposizione 1c1 della Pro Vercelli contro la squadra di Frustalupi.

Elemento importante di questa strategia difensiva è la riaggressione immediata: una volta persa palla, la Pro Vercelli cerca infatti subito la riconquista della medesima.

Il gegenpressing della Pro nel filmato VideoMatch.

Alla fine, la vittoria della squadra di Modesto è stata meritata, al di là del punteggio finale (1-0).

L’IPO di Sics relativo alla sfida del Piola.

I dati Sics di cui sopra evidenziano la superiorità dei bianchi, che non hanno concesso praticamente nulla agli avversari. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: